Blog

Sei pronto per la Recita di Natale?

1280x500 RECITA

Siamo proprio agli sgoccioli, siamo nel periodo delle festività natalizie e, tra poco tutti noi genitori saremo alle prese con le recite dei nostri figli.

Ne approfitto per fare un appello, o forse una sincera e accorata richiesta personale:
“Se tuo figlio fa la recita di Natale, tu genitore partecipa alla recita, ma fallo con uno spirito diverso da quello che di solito si respira in giro.
Vai con lo stesso spirito con cui il giorno prima sei andato a fare la spesa, cioè con una modalità totalmente disinteressata”.

“COSAAA?? COSA VUOL DIRE DISINTERESSATA?”

È davvero assurdo guardare genitori e nonni che si sbracciano con i telefonini a discapito del godersi la recita.
Perché se riprendi difficilmente ti godi lo spettacolo o quello che tuo figlio sta facendo o le emozioni che sta provando dentro di sè.

Quindi foto, video, condivisioni e poi applausi, e poi commenti:
“vediamo se è bravo, se si ricorda la parte… vediamo se ce la fa. Che bella figura che fa lì sul palco…. Certo che è una grande soddisfazione”…

Puoi scegliere una modalità diversa, puoi scegliere di essere disinteressato.

Perché l’unica cosa che conta agli occhi di tuo figlio, per cui devi essere davvero felice, è se, nel momento in cui lui scenderà dal palco, si sarà divertito, se sarà soddisfatto di quello che avrà fatto.

Magari avrà imparato una cosa nuova, si sarà sentito appassionato per la parte che ha interpretato, della canzone che ha cantato.

Non è necessario stare sulle spine sperando che è stato bravo a fare la marionetta, se si è comportato così bene che la vicina di casa ti farà i complimenti. Se ha ricordato ogni singola parola della parte che ha ripetuto 1607 volte da settimane.

 

NON È QUESTO IL MESSAGGIO DI CUI I NOSTRI BAMBINI HANNO BISOGNO

A loro serve un messaggio molto più profondo e molto più utile.
Hanno bisogno di sapere che la recita non è importante.

Sì, può rappresentare una prova e di prove nella vita ce ne sono tante.
La recita è al pari di ciò che può incontrare tutti i giorni della sua vita, anche insieme a te.

Se lo porti a comprare pane e lasci fare a lui imparando a fare attenzione al resto, se gli lasci contare i soldi, anche questa è una prova, un po’ come se fossero sul palco.

 

LE VERE PROVE SONO QUELLE DELLA VITA

Se poi a tuo figlio piacerà fare l’attore, piacerà esibirsi in teatro, se a lui piacerà fare recitazione o se gli piacerà stare in TV davanti a una telecamera e fare l’attore televisivo, ben venga, perfetto, sarà un suo vero talento, sarà una passione che varrà la gioia coltivare.

Se puoi fai in modo che ai tuoi figli non passi il messaggio: “sei bravo se ti ricordi la parte e se mi fai fare bella figura con gli altri…”

In verità noi possiamo essere felici di loro sempre.

Possiamo avere un’opinione di loro positiva in ogni istante, anche quando sbagliano, anche quando si arrabbiano, anche quando fanno i dispetti, quando ci dicono che siamo cattivi.

Cerchiamo sempre la motivazione, soffermiamoci su quella, risolviamo il problema perché i nostri figli non sono mai sbagliati.

Quindi se parteciperai alle recite, godi soltanto del fatto che tuo figlio si sia divertito, che possa avere imparato qualcosa di bello, che possa essersi sentito appassionato nel fare qualcosa che lo diverte.

Tutto il resto lascialo da parte, è una perdita di tempo e, tra l’altro, non è un messaggio efficace da dare ai bambini.


Bimbi Veri (542)

Roberta Cavallo aiuta i genitori a comprendere e a “leggere” i comportamenti dei figli in ogni fase di crescita ritrovando la sicurezza e la gioia di fare sempre le scelte giuste al momento giusto.

È la Consulente Genitoriale nel Programma TV “4 MAMME”, in onda su FoxLife.

Con i suoi 5 libri best seller è l’autrice più letta e seguita in Italia dai genitori negli ultimi anni, conquistando oltre 100.000 famiglie italiane e diverse classifiche di vendita, come quelle di Amazon e Ibs.

È stata intervistata da Uno Mattina, TG5, La Stampa, Sky Tg 25, Gioia, Repubblica, Starbene, Radio 24, Radio Deejay, Radio Rai 1, Vanity Fair, Huffington Post.