Se sei preoccupata perché tuo figlio ti chiede di dormire nel lettone e non vuole dormire assolutamente da solo nel suo lettino dobbiamo ricordarci sempre che i bambini hanno un’età anagrafica e un’età affettiva.

Ed è l’età affettiva quella che conta, soprattutto quando si tratta di dormire nel letto con i genitori.

Se tuo figlio per esempio, pur avendo 4 anni o 6 anni, non è ancora “maturato” abbastanza e dall’atteggiamento e dai bisogni ci dimostra che è affettivamente più piccolino, più lo assecondiamo e più facilmente supererà questa fase.

1° soluzione: se a 5 anni non vuole dormire nel suo lettino…

Bambina dorme nel lettone fra la mamma e il papàLa soluzione è: continua a farlo dormire nel lettone finché ne ha bisogno.

Non aspettare nemmeno che lui chieda, dai per scontato che il tuo è il letto dove tuo figlio va a dormire quando è ora della nanna.

(aspetta ad allarmarti… continua a leggere perché un senso c’è 😉).

Non fare neanche il tentativo di chiedere:

“Vuoi provare ad andare a dormire nel tuo lettino?”

Sarà proprio tuo figlio a dirti quando sarà pronto per andare a dormire “di là” nella sua stanza.

Soprattutto se c’è già la sua camera pronta e se lui in quella camera ci gioca spesso, se è una camera che viene vissuta e in cui trascorrete del tempo insieme.

2° soluzione: se vogliono dormire nel letto con i genitori non è pronto il “terreno”

Una mamma legge un libro ai suoi due bimbi, tutti e tre nel letto in camerettaSpesso i bambini vogliono dormire nel letto con i genitori perché la cameretta per loro è estranea, non è “la loro camera”.

Magari sono pronti affettivamente, ma non ci vanno perché quella camera non la sentono come un pezzo di casa, non è il loro spazio.

Magari non vanno mai nella cameretta perché è più bello giocare in salotto, in cucina vicino a mamma. O magari la cameretta è diventata una sorta di ripostiglio, ci si appoggia tutto quello che non ha un vero posto…

La cosa migliore sarebbe iniziare prima del passaggio vero e proprio.

Qualche mese prima si può iniziare a giocare insieme in camera, fare in modo che i vestiti siano negli armadi lì, che i giochi stiano lì in ordine, che lì ci siano pupazzi, pentolini, macchine, tappeti accoglienti… che mamma e papà trascorrano del tempo con i figli in questo spazio.

Tutto quello che occorre è costruire familiarità tra la camera e il bambino. Quando sarà pronto, in quella cameretta dove ci si diverte, dove si sta bene, dove dormono i suoi orsetti, potrà dormire sereno nel lettino anche lui.

Siamo davvero tutti pronti per il passaggio dal lettone al lettino?

Due bimbe saltano felici sul letto in camerettaE a questo punto la vera domanda sarà: tu mamma sei pronta a lasciarlo andare di là nel suo lettino e concludere la fase di co-sleeping? 😉 Sei disposta a rinunciare alle notti insieme nel lettone?

Ricordati che questi momenti un giorno non ci saranno più, quindi vivili al meglio fino a quando ci saranno, perché si, un giorno tuo figlio ti dirà:

mamma, ora voglio dormire nel mio lettino come i grandi!