La mattina tuo figlio non si fa vestire e fa un sacco di “capricci” per prepararsi?

In questo articolo vediamo cosa fare quando i bambini fanno “capricci” per vestirsi, quando tuo figlio non vuole mettere le scarpe o non vuole indossare i pantaloni o una maglia.

La situazione peggiora quando i minuti al mattino sono contati e tuo figlio non ascolta e urla perché si rifiuta di vestirsi per andare a scuola o se avete un appuntamento…

Le indicazioni che leggerai sono utili anche per comprendere altri “capricci” del mattino, per esempio:

  • se tuo figlio si rifiuta di fare colazione
  • si rifiuta di uscire di casa
  • se vuole restare a letto
  • se arrivano pianti disperati perché dovete lasciarlo con la nonna o la babysitter

C’è un motivo se i bambini non vogliono farsi vestire o non si vestono da soli?

Bambino che fa i capricci

I bambini hanno sempre un motivo per cui si comportano in un certo modo.

Se consideriamo che tutti i bambini del mondo non sono cattivi, sono spontanei, sereni, seguirebbero mamma e papà tranquillamente, le loro regole e le loro indicazioni, dobbiamo sempre domandarci come mai si comportano in un modo differente.

Questo “come mai” non riguarda il bambino che: “è rompiscatole”, “che vuole farci arrabbiare”, “che è cattivo”, “è fatto male”…

In verità c’è sempre una motivazione valida, che ha un senso, per spiegare il comportamento che hanno.

Quindi la mattina non vuole vestirsi per andare a scuola o non vuole mettere le scarpe o i pantaloni?

Scopriamo quali possono essere i motivi.

Possono essere vari, ecco i principali:

Motivo 1: approfittano del momento mattutino.

I bambini sanno che bisogna uscire, sanno che papà e mamma devono andare a lavorare e sanno che la scuola chiude, quindi sanno che quel momento è ottimo per attirare la vostra attenzione.

Se attivare il loro No!, se puntare i piedi con “io non voglio, non voglio”, innesca questa lotta di potere, sanno che voi vi impegnerete tantissimo a stare lì con loro.

Poi sì, probabilmente vi arrabbierete, ma starete lì con loro, mollerete tutto quello che avete da fare in giro, non penserete a fare il caffè, non penserete a vestire voi stessi, non penserete al lavoro. Non penserete a niente: mollerete tutto e andrete lì da vostro figlio perché si vesta e per riuscire a convincerlo.

Sembra paradossale, ma quando i bambini hanno la sensazione di non stare abbastanza tempo con noi, di trascorrere un tempo di qualità con noi, approfittano anche di quei momenti per comunicarci tramite i “capricci” per vestirsi o per uscire:

“cavoli! almeno così stai con me. Ti prego, anche da arrabbiata ma stai con me. Non voglio che passi poi ancora una giornata, tu adesso mi porti a scuola e io starò di nuovo tutta un’intera altra giornata senza vederti, senza vivere il rapporto con te.

E poi quando tornerai a casa sarà la stessa cosa perché tu sarai in fretta. Perché dovrei cucinare, perché smanetterai con il cellulare, perché dovrei rispondere alla zia, perché mi chiederai di lasciarti tranquilla, perché dovrei fare le lavatrici e poi sarà ora di andare a dormire.

Mi metterai a letto e la giornata sarà passate di nuovo e io con te quando sono stato? Quando mi sono sentito davvero amato da te? E quando ho giocato con te? Quando ho sentito proprio la nostra relazione stringersi? Quando? Allora allunghiamo questo tempo la mattina e, visto che non so come farlo, lo faccio con questa lotta di potere”.

Le vere motivazioni dei “capricci” che fanno i bambini per vestirsi sono sempre a monte.

Quindi, in questo caso, dobbiamo cercare di orientare meglio il tempo di qualità, dare priorità alla qualità del tempo che passiamo con loro.

Motivo 2: altre volte invece i bambini innescano questa lotta di potere e non si vogliono vestire come una sorta di sfogo.

Se per esempio, involontariamente, siamo nervosi con loro, arrabbiati, li rimproveriamo, gli gridiamo contro, alziamo la voce, li strattoniamo, siamo impazienti, allora ecco che alla prima opportunità in cui sanno di darci fastidio perché abbiamo fretta di andare a portarli a scuola o andare al lavoro, allora ecco che cercano di ripagarci con la stessa moneta:

“Tu non te ne accorgi mamma, mi tratti in questo modo, allora io non mi vesto, i vestiti non me li metto, questi non li voglio e non voglio andare… Capirai che è lo stesso atteggiamento che come hai tu con me o no!?”

Anche qua dobbiamo andare a risolvere il vero motivo: dovremmo allora cercare di essere più calmi, più disponibili, fermi quando bisogna esserlo ma senza arrabbiarsi, senza punire e senza essere aggressivi.

Motivo 3: i bambini hanno bisogno di sfogare delle tensioni.

Succede spesso ai bambini di oggi perché non vivono una quotidianità serena come avrebbero bisogno di vivere.

Vivono i nostri ritmi frenetici e le nostre ansie.

Di giorno siamo sempre di fretta, non c’è qualcuno che li accolga veramente, che calmi i ritmi, che li rallenti, una persona serena che trasmetta loro:

“Ho tutto sotto controllo, stai tranquilla, ci sono io”.

Si riempiono come delle pentole a pressione e quando hanno bisogno di esplodere basta la minima cosa. Quando sanno che tu sei lì presente perché devi insistere e li devi vestire, esplodono dicendo “quello non lo voglio mettere!”, ma in verità hanno bisogno di sfogare tutta la tensione nervosa che accumulano.

Questa tensione si accumula anche quando la relazione con loro è un pochino troppo rigida.

Magari sentono le nostre aspettative su di loro, i giudizi su di loro, il nostro nervosismo. Magari il nostro atteggiamento nei loro confronti è: “fai questo, fai quello. Ti ho detto di comportarti così, ti ho detto di essere così, no, così no”…

Una relazione eccessivamente basata sulla rigidità produce questa tensione.

Paradossalmente la stessa cosa la produce una relazione troppo molle, quando il bambino non ha delle regole, quando non ha una sana fermezza, quando non ci sono dei genitori che sanno decidere per lui che sanno prendere le situazioni in mano.

Allora i bambini rimangono senza degli argini in cui navigare e questo crea di nuovo molto nervosismo, che sfogano anche in momenti come quello del mattino e del vestirsi.

È fondamentale risolvere la motivazione nel tempo, a monte occorre lavorare sulla vera causa, durante il giorno, durante le settimane, per risolvere toni e modo, ovvero la causa vera delle loro esplosioni.

Come fare se il tuo bambino fai i “capricci” per vestirsi al mattino?

Orologio nella sabbia

Nel frattempo, sul momento, l’ideale è non arrabbiarsi.

Occorre mantenere la calma e per facilitarci il lavoro potrebbe essere necessario svegliarsi prima, anche se è un pò faticoso, avere già tutto fatto e preparato prima di svegliarli ed essere lì con loro, disponibili, avere la calma per non arrabbiarsi e seguire i loro ritmi.

Non avere l’orologio che ci pressa perché dobbiamo correre a lavoro o portare nostro figlio a un appuntamento e poterci prendere un momento di calma, respirare, non innervosirci, tanto abbiamo tutto il tempo a disposizione è un’ottima base di partenza e per prevenire il nostro nervosismo.

Se tuo figlio dice:

“Io questo vestito non me lo voglio mettere!”

ci giochiamo un po’, cerchiamo di sdrammatizzare e possiamo dire:

“Davvero non vuoi mettere? Come mai? Forse perché mi sono sbagliata, questa non è una gonnellina, questo un cappuccio o cappello? Allora aspetta, me lo metto io, mi metto il cappuccio, il cappello…”

Se loro vedono che non c’è presa, che non possono farci arrabbiare, che restiamo sereni e addirittura scherziamo allora a quel punto si rasserenano.

Oppure per il pantalone possiamo dire scherzandoci su:

“allora me lo infilo io questo pantalone… ma non mi passa, mannaggia ho il piede che è grande come la tua gamba! Caspita! Che facciamo allora?”

Se siete veramente zen e non siete giudicanti la lotta di potere si spegnerà molto prima sul nascere.

Cosa potrebbe non funzionare se tuo figlio non vuole vestirsi al mattino

1.   Il nostro vulcano interiore

Mamma arrabbiata perché la figlia non ascolta

La cosa che sbagliamo, aimè, è che dentro di noi abbiamo un doppio dialogo contrastante: magari pensiamo “ok facciamo come dice Roberta” e diciamo:

“Amore ma questa non è una gonnellina, è un cappellino, allora guarda se lo mette mamma”.

Ma in verità per contro pensiamo:

“Porca Miseria, ti spicci a mettere questa gonna che devo andare a lavorare? Ma tutte le mattine sempre la stessa storia? Ma con me con tutto quello che faccio per te, tutti i sacrifici che facciamo… Basta!’”

Se questo in verità è quello che pensiamo e se è così tutto quello che facciamo per copiare i suggerimenti, non funzionerà, perché i bambini hanno bisogno di sentire che in quel momento non ci importa di arrivare in orario, ma ci interessa accogliere la loro emotività e risolvere il loro disagio.

E’ necessario essere veramente con loro e per loro, avere tempo per loro.

È un suggerimento importante ed è ciò che va fatto. Ci vorrà allenamento, sicuro, ma va fatto, perché si può acquisire questa calma zen.

Ecco perché il primo suggerimento utile resta fare le cose in anticipo e svegliarsi un po’ prima al mattino in modo da ridurre la nostra pressione e per avere minuti preziosi in più per gestire questi imprevisti.

2.   Esplicitare il motivo che ha scatenato il “capriccio” per vestirsi

mamma che capisce il motivo del capriccio

Se anche questo gioco non funziona, è importante esplicitare ai vostri bambini il vero motivo, la causa che li sta portando lì.

Possiamo per esempio dire:

“Amore, secondo me non è mica la gonnellina. Secondo me è che non hai proprio voglia di andare a scuola (o dalla nonna), vuoi stare a casa con la mamma… Amore mio, lo so che sei ancora arrabbiata perché ieri sera mamma si è arrabbiata. Non ti abbiamo fatto vedere il cartone (o Luca ti ha rotto il gioco), vero? Sei ancora arrabbiata per questo, siamo andati a dormire, niente coccole e sei ancora arrabbiata per quella cosa.”

Se i bambini sentono che voi lo sapete, che siete disposti ad aiutarli, si tranquillizzano, perché loro cercano il vostro aiuto.

Che vi risponda di Sì o che vi dica No, se sai qual è la causa e vai a colpo sicuro, abbracci la tua bimba, la accogli, il risultato è che si veste senza più parlare o arrabbiarsi.

Personalmente non sono mai arrivata a dover vestire un bambino in macchina, perché se i passaggi prima sono fatti con il cuore non si arrivata a tanto.

Certo, bisogna però mantenere la calma 😊. So che non è semplice ma è possibile.

Come prevenire le lotte di potere quando tuo figlio rifiuta i vestiti che proponi

Un altro aspetto è che, se i vostri bambini nei primi anni sono abituati a decidere tutto, è difficile che all’inizio accettino che voi vogliate per loro quei vestiti, questi orari, questo cibo a pranzo o questo a colazione.

Se siete abituati a fare le loro domande:

“Cosa vuoi? Vuoi mettere questi pantaloni? Vuoi mettere quello? Andiamo al parco, andiamo dalla nonna, aspettiamo ad andare dalla nonna? Ti cambio il pannolino? O non lo cambiamo? Vuoi mangiare adesso? Cosa facciamo?”

Se si abituano a decidere, per loro sarà difficile accettare le vostre regole, anche se ne hanno un bisogno estremo. Infatti senza regole i bambini sono nervosi, hanno bisogno di dritte.

Ecco perché è importante badare a questo aspetto, tornare a quella fermezza sana, saggia che noi possiamo costruire dentro, che manifestiamo senza arrabbiarci, senza durezza ma in maniera direttiva e serena.

Per riassumere: se i nostri figli fanno i “capricci” per vestirsi la mattina, non vogliono indossare i pantaloni o si rifiutano di fare colazione dobbiamo andare alle cause, alle motivazioni.

E sul momento è importante non arrabbiarci, sdrammatizzare e poi accogliere, svelare, mettere su carta quello che loro stanno provando, come mai sono arrabbiati, come mai si stanno comportando in questo modo, e poi accoglierli.

Spero che queste soluzioni ti siano utili per tutte le volte in cui tuo figlio o tua figlia fanno i “capricci” per vestirsi o non vogliono indossare una maglia o un pantalone.

Se vuoi approfondire come comprendere e gestire i capricci di tuo figlio puoi leggere qui l’articolo I capricci non esistono: la Guida completa di Bimbiveri