L’inserimento dei figli al nido o alla scuola dell’infanzia è un momento delicato e spesso anche difficile per i bambini e per i genitori.

I bambini a volte fanno i “capricci” (che capricci non sono), piangono, non vogliono andare a scuola…

La mamma spesso si sente in colpa perché è “costretta” a lasciare il figlio per andare a lavorare e queste emozioni di certo non aiutano a vivere serenamente la fase di distacco.

Ma perché le spiegazioni razionali non calmano tuo figlio che non vuole andare al nido o alla scuola dell’infanzia?

Perché non si calma anche se gli spieghi che devi andare a lavorare? E c’è un modo per farlo sentire accolto e per disinnescare i tanto temuti “capricci” (che capricci non sono)?

A volte ci sono delle preoccupazioni che assalgono la mamma che, se non affrontate e sciolte, fanno diventare l’inserimento al nido o a scuola fonte di pianti, tensione e nervosismo per entrambi.

Come risolverle? Scopri tutto in questo articolo.

Perché l’inserimento al nido e alla scuola dell’infanzia è difficile?

Bambina piccola che piange

Per cominciare alla mamma dispiace lasciare il figlio al nido o a scuola, non è semplice emotivamente andare via a vederlo che piange, lasciarlo alle insegnanti…

I tanti dubbi e timori irrisolti sull’inserimento e su quello che succederà al figlio al nido o alla scuola materna di sicuro non aiutano la fase del distacco. Per esempio è normale chiedersi:

  • Cosa faccio se mio figlio piange al nido?
  • Quando si fa l’inserimento all’asilo e come evito imprevisti?
  • Come affrontare l’inserimento alla scuola materna?
  • Quanto dura l’inserimento al nido e come facilitarlo?
  • Cosa faccio se non voglio lasciarlo con le educatrici e con le insegnanti?
  • Come si risolve l’attaccamento alla mamma?
  • Asilo a 2 anni: si o no?

Molte mamme mi chiedono se è giusto mandare al nido i bambini così piccoli oppure se è meglio di no, mi chiedono come risolvere la situazione se, per necessità, li devono mandare “per forza” e non hanno alternative.

Come rendere semplice l’inserimento al nido, alla scuola materna e come far sì che i bambini vadano tranquillamente

Innanzitutto quando arriva il momento dell’inserimento i bambini sono piccoli per uscire dal nido familiare e trascorrere tante ore con altri bambini.

Sappiamo già in partenza che non ci può essere la qualità di relazione che potremmo avere se un bambino potesse stare con la mamma o con papà, con i nonni oppure con una tata tutta per sè.

Infatti con pochi adulti che in tutto il tempo della giornata devono comunque essere presenti il più possibile per tutti i bimbi, assecondare la fase dei primi anni del “è tutto mio!” di ogni singolo bambino, e seguire i loro bisogni affettivi è difficile riuscirci con una qualità elevata.

Purtroppo però oggi il nido spesso è una necessità, quindi ben venga la possibilità di avere queste strutture a disposizione.

Mandare il bambino al nido non è un problema nel momento in cui tu mamma sai che in quelle ore della giornata è probabile che tutti i bisogni di tuo figlio non verranno rispettati al 100%.

Allora come si può rimediare e come evitare un inserimento difficile per tutti?

Bimba gioca all'asilo nido durante l'inserimento1. Previeni e gioca d’anticipo

Il momento migliore è, per esempio, a casa la sera e/o durante il fine settimana.

Tuo figlio durante l’inserimento al nido o a scuola avrà bisogno di più attenzioni, di essere accolto di più, di essere più coccolato o molto spesso di arrivare ad avere la possibilità di scaricare la tensione accumulata durante la giornata facendo qualche “capriccio”, dicendo qualche no, piangendo, rifiutandosi di mangiare…

L’importante è sapere che la motivazione potrebbe derivare da questo distacco giornaliero.

Se accogli tuo figlio, non lo rimproveri, ma semplicemente lo accogli e gli permetti di sfogarsi, lo coccoli molto, cerchi di anticipare i suoi bisogni, allora in automatico riesci a soddisfare quel piccolo buco che si è creato con il distacco e permetti che la situazione non diventi intollerabile o difficile da gestire.

Se vuoi approfondire come gestire i “capricci” dei bambini, puoi leggere anche l’articolo: Guida Bimbiveri ai capricci.

2. Evita le spiegazioni: tuo figlio non le comprende e non aiuta a calmarlo

Oltre a questo, una volta presa coscienza del fatto che il tuo bambino deve andare al nido e ti trovi tutte le mattine con lui che piange, ti invito a evitare di dare spiegazioni.

È quello che d’istinto ci viene spontaneo, il nostro bimbo piange e noi:

“dai che mamma torna presto, non fare così. Guarda c’è la maestra. Ma che bello questo gioco! Guarda che sono arrivati gli amichetti! Eh dai che ieri poi ti sei divertito, che la maestra mi ha detto che poi hai smesso di piangere…”

Un bambino così piccino non è in grado di comprendere motivazioni razionali.

L’ideale è anticipare la sua reazione accogliendo la sua emozione e facendolo sentire compreso. Non aver paura di tenerlo in braccio e dire:

“Oooh questo bimbo piange. Eh hai ragione, amore, non vuoi andare. È brutto stare senza mamma, non ti piace vero? Piangi amore, sfogati, la mamma torna presto, viene a prenderti e giochiamo insieme, ma adesso piangi se hai voglia di piangere. Lo so che per te è un momento difficile”.

Questo lo aiuterà a sentirsi compreso e quando finirà di piangere, sfogherà, tirerà fuori tutto quello che c’è dentro di lui, e poi inizierà a giocare.

Questo è un bene perché il pianto è sempre una valvola di sfogo importante per i bambini.

3. Come sta la mamma e cosa prova in merito all’inserimento del figlio?

Oltre a questi suggerimenti, c’è un terzo molto più importante dei primi due:

l’età in cui tuo figlio va al nido è un’età molto precoce, un’età in cui inevitabilmente i suoi sentimenti e le sue emozioni sono ancora in completa e totale sintonia/simbiosi con i sentimenti e le emozioni della sua mamma.

Quindi, a volte, quando i bambini piccoli hanno un atteggiamento per cui sfogano delle tensioni emotive, piangono, si ribellano, fanno i “capricci”, non dormono, non mangiano, l’ideale è sempre che la mamma si chieda come si sente, per esempio:

“Come mi sento e come sto vivendo questo momento di inserimento e di cambiamento?”

È possibile che il bambino assorba le nostre emozioni cerchi, in qualche modo, di esprimerli con il pianto. Ecco perché vale la gioia fermarsi e cercare di guardare che cosa c’è dentro di noi.

Se questo è il tuo caso, ti invito a prendere uno spazio di tempo per chiederti:

  • “Come mi sento io sapendo che devo mandare mio figlio all’asilo?
  • Voglio o non voglio?
  • È una necessità ma preferirei tenerlo a casa?
  • Soffro tantissimo nel vederlo piangere?
  • Sono io che dentro di me, se potessi, piangerei perché non voglio lasciarlo al nido?”

Oppure ecco altri esempi che potrebbero riguardarti:

“non voglio andare a lavorare perché il lavoro che faccio non mi piace? È andata bene durante il periodo dell’allattamento, durante il periodo della maternità, adesso devo tornare ma per me è un dramma perché non mi piace quello che faccio.”

“E se le maestre dell’asilo non sono abbastanza brave? E se sente la mia mancanza o se lui mi manca? Ma se le maestre della scuola materna non lo conoscono e non sanno assecondare i suoi bisogni, non lo sanno capire come lo posso capire io? Se fosse troppo il tempo che sta fuori casa?…”

Queste spesso sono le motivazioni che in te potrebbero rimanere latenti, che non ti concedi di provare e che potrebbero renderti l’inserimento difficile da affrontare.

In questo caso è importante prendersi uno spazio serale con calma, prendere carta e penna e sentirti libera di scrivere su un foglio tutte queste emozioni che stai provando, senza giudicarsi, ma anzi lasciando libero sfogo a questa tua parte interiore che comunque soffre, che ha delle difficoltà, che ha delle emozioni profonde da esprimere.

Questo ti aiuterà innanzitutto nel trovare la vera motivazione del problema. E, soprattutto, il fatto di poter scaricare queste motivazioni senza giudizio ti renderà più serena, più tranquilla e di conseguenza renderà più tranquillo anche il tuo bambino.

4. Un ultimo piccolo suggerimento pratico per favorire l’inserimento al nido o alla  scuola dell’infanzia

Lascia un oggetto tuo nello zainetto del tuo bimbo e tu prendi qualcosa di suo. Magari il bavagliolo della sera prima, una maglietta da lavare che ha ancora il suo profumo.

Portala con te durante il giorno, durante la tua attività lavorativa e vedrai che ti sarà utile per non sentire troppo la sua mancanza.

E poi fai di tutto per recuperare il tempo perduto: più gli darai attenzioni alla sera, durante il fine settimana e più sarà facile evitare di sentirti in colpa perché lo lasci tante ore da solo 😊

Per approfondire questo tema puoi leggere: Tempo di qualità con i figli: ecco 4 modi per garantirlo

Spero che questi suggerimenti ti aiutino a vivere al meglio la delicata fase dell’inserimento di tuo figlio al nido o alla scuola dell’infanzia.